Entra nel sito

 

Nel centenario della morte di Giuseppe Verdi bisognava rivendicare - fortemente - la piacentinità del maestro. Lo ha fatto la Banca di Piacenza, con un insieme di iniziative che - spaziando in diversi campi - hanno teso semplicemente a questo: a ristabilire la verità, contro - come già altra volta abbiamo detto - ogni "appropriazione indebita". Perché - si sa - "il genio è universale" certamente; ma, d'altra parte, è anche giusto dare a Cesare quel che è di Cesare. E, quindi, a Piacenza quel che è di Piacenza, anche per un semplice fatto: che il carattere "piacentino" (e la "piacentinità") di Verdi sono parte non insignificante - riteniamo, e ritengono musicologi insigni - della sua opera (e, perciò, della piena comprensione di quest'ultima).
Asse portante della "rivendicazione" è l'opera di Mary Jane Phillips Matz, che - nella sua prima edizione, subito andata esaurita - la Banca curò già nel 1992.  Da allora,  molti anni sono  passati: ma le prove  della piacentinità  di Verdi (che,

Entra nel sito

forse, avrebbero potuto essere meglio sfruttate, istituzionalmente) sono state magari - e volutamente - ignorate, ma certo non sono state superate, e tanto meno efficacemente contraddette. Tutt'al più, sono state - e vengono - saccheggiate, a riprova che la Phillips Matz rimane una delle maggiori studiose di Verdi, nel mondo. A lei il ringraziamento dei piacentini. E il rinnovato ringraziamento - in particolare - della banca locale, che ancora una volta - com'è nelle sue tradizioni, perché anche per questo i piacentini l'hanno voluta e vieppiù fatta crescere, fino alle attuali dimensioni - s'è fatta carico di valorizzare e divulgare un importante aspetto della piacentinità. Anche per questo è stato realizzato questo sito web.

Giuseppe Verdi

Corrado Sforza Fogliani
Presidente Banca di Piacenza

Banca di Piacenza

Entra nel sito

Copyright 2000 Banca di Piacenza

 

Nel 2013, nel bicentenario della nascita, la Banca ha pubblicato, per la quarta volta, il volume "Verdi, il grande gentleman del Piacentino"